Categorie
Musica

I mondi infiniti di Omid Jazi

Immagini potenti e surreali, suoni eleganti mandati in loop e una voce pulita, tagliente e leggermente electro. Questi sono gli ingredienti che compongono un disco come Tooting Bec, secondo lavoro da solista di Omid Jazi. Il polistrumentista italiano dalle origini iraniane da un anno vive a Londra, dove a quanto pare si può vivere di musica senza dover entrare nelle grazie delle etichette discografiche.

La particolarità di questo lavoro sta prima di tutto nella sua pubblicazione. Tooting Bec non è stato pubblicato da un’etichetta discografica, ma da una casa editrice. Secondo Omid questo è un modo rinnovato di concepire la musica, come qualcosa di correlato alla letteratura. Perché anche una canzone, come un romanzo, racconta sempre una storia.

Le visibili influenze in Tooting Bec sono Battiato, per quanto riguarda l’immaginario da cui Omid attinge, e i Verdena, in quelle caratteristiche parti disperatamente urlate. A proposito del gruppo rock del bergamasco, Omid Jazi ha partecipato al Wow tour, in cui si è guadagnato l’appellativo de “il quarto Verdena”. Un primo ascolto dell’album ci porta a un insieme di concetti tutti da capire, che lo stesso Omid sviluppa in un percorso parallelo in terra inglese. Questo affiancare l’album, interamente in italiano, alla sua completa immersione londinese, per lui ha un significato preciso: lo aiuta a sviluppare una personale poesia in lingua madre. E a quanti si chiedono cosa possa essere di preciso la poesia io risponderei con una semplice alzata di spalle, perché si tratta di qualcosa che è possibile trovare in tutto o nulla, in qualcuno o qualcosa.

Omid Jazi con Tooting Bec ci porta a ritrovare in quadri all’apparenza troppo complessi una semplicità che si può incontrare solo nella bellezza di ciò che vediamo senza sentirci attanagliati. La forza delle sue visioni, che ci vengono regalate in un ristretto spazio temporale, è davvero inaspettata e surreale. Non aspettatevi niente di preciso, solo così resterete sorpresi da un album che racconta di mondi infiniti fatti di poesia e splendidi giochi di parole.

Omid Jazi: Facebook | Tooting Bec

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *