Categorie
Musica Video

Il nuovo video di Findlay

Premetto che questo post ha come scopo quello di consigliarvi un semplice brano da ascoltare. Non si tratta affatto di una recensione. Mi dispiace deludervi, ma non ho i mezzi per farlo.

La scorsa settimana oltre ad aver visto protagonisti Sanremo50 sfumature di grigio e San Valentino — chi più ne ha ne metta — sul nostro amatissimo YouTube è comparso il video del singolo della giovane Findlay, Electric Bones.

Vi starete tutti — o quasi — chiedendo chi sia codesta ragazza proveniente da quella fucina di artisti rock che è la Gran Bretagna. Bene, ecco qualche notizia raccolta qua e là.

Classe 1991, Natalie Findlay è originaria di Stockport. Conosciuta qui in Italia sopratutto per il singolo usato nello spot di una nota casa automobilistica tedesca, i suoi lavori si sono diffusi ad una velocità sempre crescente, nonostante siano ancora legati ad una scena piuttosto underground.

Nel suo sito ufficiale non possiamo risalire ad alcuna biografia. Non ci rimane che affidarci alle varie notizie reperibili in giro per il web.

Sinora ha pubblicato due EP: Off & On (2012) e Greasy love (2013). Sempre nel 2013 fu scelta da L’Wren Scott per esibirsi ad un party da lei organizzato. In quell’occasione eseguì la sua perfomance dinanzi a Mick Jagger, e a tante altre personalità (artisti e non) di quel mondo patinato fatto di Star d’ogni genere, contaminato da musica Rock ed un pizzico di Glamour — che non guasta mai in certe occasioni.

Ha aperto i concerti di Jake Bugg e dei Courteeners, esibendosi tra l’altro nei festival con la “f” maiuscola di Reading, Leeds e Glastonbury.

Dopo aver ascoltato i singoli di Findlay, e visto i suoi video, questi possono apparire ad una prima visione superficiale — e diciamocelo una volta per tutte, “bacchettona” — come qualcosa che trasmette unicamente contenuti volgari, dediti a quella che si definisce come una sessualità estrema, vissuta al limite e bla bla bla.

Ok, lasciamo tutto questo ai benpensanti e guardiamoci il video girato per le strade di Parigi. Buon ascolto, e buona visione.

Michele Nenna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *