Categorie
Fotografia

Forme di amnesia

Disintegrata la Jugoslavia di Josip Tito, restano sull’erba, sparpagliati tra Serbia, Slovenia, Croazia, Bosnia Erzegovina, Montenegro, Kosovo e Macedonia, i rottami di una plumbea architettura celebrativa.

Privi di energia e vuoti di significato, questi totem brutalisti si rivestono, attualmente, di un senso post-datato.

Gli Spomenik, concepiti in un contesto di unità nazionale fittizia ed eretti dalla forza persuasiva di un regime dittatoriale, oggi ci appaiono monumenti commemorativi di un’amnesia necessaria a dimenticare il trauma post-ideologico.

Spomenik_14

Metafore di concetti dismessi ed aiutate dalla furia degli elementi, queste ferite cementizie attendono di rimarginarsi nella profondità di un limbo della memoria, morsicate mortalmente da una natura vorace e per niente recalcitrante alla densità del granito.

Spomenik-_15-Makljen-Jan-Kempenaers-2007-Archival-Inkjet-on-Paper

Potere ed architettura si sono fusi in questi gusci. La loro forma e la loro sostanza sono in continuo mutamento, come due liquidi impossibilitati a mescolarsi.

Spomenik-18-Kadinijača-Jan-Kempenaers-2009-Archival-Inkjet-on-Paper.jpg

Un tempo concepiti per contenerne l’aura patriottica necessaria ad illudere etnie diverse circa una possibile convivenza imposta, oggi ci appaiono come la mappa di un’installazione aliena, fruibile attraverso una campagna rigogliosa, ma irrigata dal sangue di migliaia di civili.

24-web

Attraverso l’obiettivo del fotografo Jan Kempenaers ne scopriamo l’astratta intenzione progettuale che li ha resi concrete sculture, avulse da qualsiasi significante concetto estetico o artistico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *